Apple perde una causa in Spagna

Il farsi causa reciprocamente è divenuta consuetudine tra le case produttrici di smartphone e tablet; Apple denuncia praticamente tutti, tutti cercano di difendersi, tutti contro-accusano Apple, Samsung presenta in tribunale un fotogramma di “2001 Odissea nello spazio”…

 

Tra tutti questi colossi, spunta però una piccola azienda che potrebbe mettere in ginocchio, metaforicamente parlando, il gigante di Cupertino.

 

Il farsi causa reciprocamente è divenuta consuetudine tra le case produttrici di smartphone e tablet; Apple denuncia praticamente tutti, tutti cercano di difendersi, tutti contro-accusano Apple, Samsung presenta in tribunale un fotogramma di “2001 Odissea nello spazio”…

 

Tra tutti questi colossi, spunta però una piccola azienda che potrebbe mettere in ginocchio, metaforicamente parlando, il gigante di Cupertino.

 

 

Tra le varie compagnie denunciate da Apple, per lo più per plagio nel design sia fisico sia software, appare la spagnola NT-K, non molto grande, non molto conosciuta ma in grado di vincere la causa contro di lei per poi passare al contrattacco.

 

NT-K è stata a questo punto in grado di citare a sua volta Apple per concorrenza sleale. Ma la società non si è fermata qui inoltrando anche una richiesta di risarcimento per danni economici, morali e per perdita di profitti in seguito alla denuncia subita.

 

Voglio ricordare che secondo una notizia di alcuni giorni fa, Apple può vantare una liquidità impressionante pari a 84 miliardi di dollari ma le cause sono lunghe ed onerose. Se NT-K riuscisse ad ottenere il risarcimento chiesto per HTC e Samsung potrebbero aprirsi nuovi spiragli essendosi creato un “precedente” e Apple potrebbe rendersi conto che, in fin dei conti, un patteggiamento sarebbe la via migliore per tutte le parti in causa.

 

Fonte

 

 

 

Tra le varie compagnie denunciate da Apple, per lo più per plagio nel design sia fisico sia software, appare la spagnola NT-K, non molto grande, non molto conosciuta ma in grado di vincere la causa contro di lei per poi passare al contrattacco.

 

NT-K è stata a questo punto in grado di citare a sua volta Apple per concorrenza sleale. Ma la società non si è fermata qui inoltrando anche una richiesta di risarcimento per danni economici, morali e per perdita di profitti in seguito alla denuncia subita.

 

Voglio ricordare che secondo una notizia di alcuni giorni fa, Apple può vantare una liquidità impressionante pari a 84 miliardi di dollari ma le cause sono lunghe ed onerose. Se NT-K riuscisse ad ottenere il risarcimento chiesto per HTC e Samsung potrebbero aprirsi nuovi spiragli essendosi creato un “precedente” e Apple potrebbe rendersi conto che, in fin dei conti, un patteggiamento sarebbe la via migliore per tutte le parti in causa.

 

Fonte