Professionalità e cortesia: Cellulariusati.net docet

Quante volte mi avete letto sul blog a lamentarmi di qualcosa o di qualcuno? E quante volte sono stato contattato dall’ufficio relazioni con il pubblico che chiedeva di modificare il contenuto dell’articolo? Bene, questa volta non accadrà sicuramente e vi spiego anche il perché.

Continue reading Professionalità e cortesia: Cellulariusati.net docet

Full immersion Apple: dopo 20 anni mi sono bevuto il cervello (parte 1)

Ebbene sì, quante volte mi avete letto su queste pagine prendermela con Apple? Quante volte contro l’iPhone o l’iPad? Contro la mentalità della mela e le sue discutibili scelte? Continuerò a farlo ma da un altro punto di vista.

Continue reading Full immersion Apple: dopo 20 anni mi sono bevuto il cervello (parte 1)

I nuovi rivali di Android

 

Che Android sia stata la piattaforma che ha conosciuto la maggior diffusione nell’ultimo periodo è un dato di fatto. Considerando iOS come unico degno rivale possiamo affermare che il robottino verde ha fino ad ora raccolto un successo enorme dovuto all’adozione di Marchi come Samsung, LG ed HTC. Ma quanto durerà questa egemonia?

Continue reading I nuovi rivali di Android

KeyNote e iPhone5: odore di stantio

 

Il Keynote si è concluso e le notizie sulle features dell’ennesimo iPhone stanno invadendo ogni angolo del web; i TG ne hanno parlato nelle loro edizioni serali e la storia è destinata a ripetersi nei prossimi giorni. Ma quanto è diverso il “nuovo” smartphone di Apple dai precedenti?

Continue reading KeyNote e iPhone5: odore di stantio

Il fantasma di Steve Jobs

 

Secondo il Wall Street Journal Steve Jobs sarebbe vivo, o meglio, reincarnato in uno spirito divino superiore.

Il giornale riporta quanto riferito da un gruppo buddista al quale Tony Tseung, ingegnere Apple, aveva chiesto le sorti del proprio capo una volta deceduto.

 

La risposta ricevuta, con tutto il rispetto che porto per la religione buddista per la quale provo un certo senso di ammirazione, è quantomeno comica; infatti lo spirito divino in cui si sarebbe già reincarnato Jobs oltre a nutrire un grande interesse per la tecnologia, sarebbe anche circondato da 20 assistenti molto simili agli addetti degli Apple Store (i Genius).

 

Fonte