Un caffè al Goal Bar di Firenze

Ore 11:40, piazza Beccaria.

Oggi prendere un caffè col mio amico Filippo non è stata una cosa facile. Alle 11:40 (!!!) tutti i tavoli sono già apparecchiati per il pranzo e la scelta è o stare in piedi o gli sgabelli al secondo banco. Già questa mi pare una cosa poco intelligente ma optiamo per gli sgabelli e prendiamo due caffè. Accanto a noi ci sono altri due clienti. Dopo venti minuti una cameriera invita noi e le altre due persone a uscire dal bar perché devono apparecchiare anche lì per il pranzo. Nel bar non c’è nessuno, i tavoli apparecchiati sono vuoti. Imbarazzante. Commentiamo fra noi che ci pare una cosa folle e un’altra cameriera si lamenta del fatto che ci siamo lamentati.

Caro Goal Bar, non mi vedrai mai più.